4 giugno 2012

0013 [POINTS DE VUE] Michela Battaglia | Topografia della memoria


   Topografia della memoria è un progetto fotografico che ha come obiettivo la documentazione dei luoghi delle vittime innocenti della mafia nella provincia di Palermo. Il periodo storico preso in considerazione copre più di un secolo di fatti di cronaca: dal primo omicidio di mafia riconosciuto come tale, il delitto “eccellente” dell’ex sindaco di Palermo Emanuele Notarbartolo del 1 febbraio 1893,1 all’omicidio – oggi ancora oggetto di indagini da parte della magistratura – dell’avvocato penalista Vincenzo Fragalà bastonato a morte il 26 febbraio 2010.2

   Ho iniziato a immaginare questo progetto nel gennaio del 2010 in occasione dell’uscita del film d'animazione Giovanni e Paolo e il mistero dei pupi.3 Avevo 27 anni e l’amara consapevolezza che non solo la mafia esiste, come organizzazione e come mentalità, ma che le nuove generazioni sono complici della perdita di memoria di certi avvenimenti storici. È dal ricordo del sacrificio, spesso individuale, che credo sia necessario ripartire. L’elenco delle vittime è lungo e include politici, magistrati, poliziotti, uomini delle scorte, giornalisti, imprenditori, donne, bambini e gente comune che ha avuto la sfortuna di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Avevo nove anni quando Falcone, Borsellino e le loro scorte saltarono in aria. È strano come funzioni la memoria: della strage di Capaci ho un ricordo nitidissimo, di Rosaria Costa, vedova dell’agente Vito Schifani. Di via D’Amelio ricordo solo le parole del magistrato Caponnetto: «È finito tutto». Come spieghi a un bambino di nove anni che è finito tutto? Falcone e Borsellino sono solo l’apice di una lista troppo lunga e sconcertante di vittime. 

   Ho deciso di recuperare e costruire una mia memoria per provare a condividerla, affinché il sacrificio di queste persone non vada perduto. Nell’immaginario collettivo alcuni dei luoghi di morte, soprattutto quelli che riguardano vittime eccellenti, sono associati a fotografie in bianco e nero, costellate di lenzuola bianche, cadaveri, sedili di automobili insanguinati, macerie. Nel mio progetto ho deciso di rappresentare questi luoghi di morte inermi, ordinati, come se nulla fosse successo. Su ogni fotografia sono scritti – con un carattere che richiama quello delle carte geografiche – il nome della vittima, la data e il luogo dell’omicidio. Ricostruire i luoghi è un’operazione non facile. Mi sono accorta che ci sono vittime di serie A e vittime di serie B, come se alcune meritassero di essere ricordate un po’ di più. O forse la memoria segue un principio di economia per il quale è impossibile, intollerabile ricordare tutto. Questa rimozione si percepisce dalla presenza o meno di simboli della memoria; non è sempre possibile individuare con assoluta certezza il luogo esatto dell’omicidio nonostante abbia cercato, durante la mia ricerca, di essere il più meticolosa possibile, confrontando tra loro diverse fonti. 

   Non vivo a Palermo dall’inizio del 2009. Sono fuggita, stanca e senza sensi di colpa. Negli anni successivi la distanza e un punto vista altro mi hanno permesso di scoprire un sentimento di affetto, non immaginabile, per la mia città. Un affetto carico di amarezza e rabbia.













4 giugno 2012
Intersezioni ---> POINTS DE VUE
__________________________________________
Note: 
1 Emanuele Notarbartolo fu sindaco di Palermo dal 26 ottobre 1873 al 30 settembre 1876 e, dallo stesso anno, direttore generale del Banco di Sicilia. Fu accoltellato in treno nel tratto tra Termini Imerese e Trabia il primo febbraio del 1893. Di questo omicidio Salvatore Lupo, in Storia della Mafia (Donzelli Editore, Roma, 2004, p. 122), scrive: «Questo delitto segna un salto di qualità, ma per certi versi rimane un picco isolato, un segnale di sviluppi futuri. Per avere la giusta scala di riferimento, si pensi che per più di un secolo la mafia ha ardito colpire così in alto solo in questo caso. Quello di Notarbartolo è il primo dei cadaveri eccellenti, nonché l’ultimo sino alla morte del procuratore generale Pietro Scaglione, e quindi dall’Unità al 1971». 
2 Vincenzo Fragalà, già consigliere comunale palermitano nel Msi prima e in An poi, eletto deputato per An nel 1994 e confermato per altre due legislature. Nella sua professione forense ha partecipato a diversi importanti procedimenti per associazione mafiosa.
3 Giovanni e Paolo e il mistero dei pupi (2010) è un film d'animazione (26 min.) che racconta una storia ambientata nella Palermo degli anni cinquanta. Protagonisti sono due ragazzini, Giovanni e Paolo, in omaggio a Falcone e Borsellino, che lottano per liberare il quartiere dalla presenza di un mago malvagio che toglie l'anima alle persone e le trasforma in “pupi''. Diretto da Rosalba Vitellaro, coprodotto da Rai Fiction e Larcadarte (con lo studio di animazione Musicartoon di Roma), in collaborazione con la Regione Siciliana, distribuito da Rai Trade. Sceneggiatura di Alessandra Viola, Rosalba Vitellaro e Valentina Mazzola. Direzione artistica di Enrico Paolantonio. Tra i doppiatori: Leo Gullotta, Donatella Finocchiaro, Claudio Gioè.

8 commenti:

  1. è un progetto fotografico lancinante, sulla memoria, sul senso dei luoghi. è sconvolgente vedere quanto poco rimanga nelle cose di quello che accade, anche quando si tratta di cose terribili e violente.

    RispondiElimina
  2. Rem,
    ho conosciuto il lavoro di Michela Battaglia grazie a questo ascolto radiofonico.
    Lancinante sono il silenzio e gli stereotipi ‘culturali’ nei confronti di un sud che lotta ‘morendo’ i mali estremi di un’economia criminale. Resto sempre basito nei confronti di una parte della nostra nazione che non vede, non sente, non agisce, non muore per i mali estremi causati dall’economia criminale.
    Qui, da trent’anni, qualcuno si ostina a vedere, a sentire, ad agire e –ahinoi – a morire.
    Una topografia della memoria, che con estremo dolore, alimenta la speranza di chi non si vuole arrendere.
    Saluti,
    Salvatore D’Agostino

    RispondiElimina
  3. Bellissimo lavoro. Bellissimo nel suo dolore di ri-denuncia e non rinuncia. Di tutti i dolori, in ogni storia, ognuno è colpito da un fatto particolare, qualche volta marginale tanto da far sembrare insensibile chi ne prova l'emozione, ma così non è. L'appassionato di ferrovia che è in me non può non pensare a Peppino Impastato, il ragazzo nato in una brutta Società, annientato dalla mafia perché parlava troppo, senza pensare che in quel modo stavano rendendo eterna la sua voce.

    RispondiElimina
  4. Un pugno allo stomaco.
    Di quelli che servono.

    RispondiElimina
  5. Efrem Raimondi15 ottobre 2012 10:26

    il vantaggio dei blog è che ci si può tornare sulle cose e sugli articoli. se non si è schiacciati dall'attualità e se ne semte il bisogno va fatto. così io adesso, quattro mesi dopo la pubblicazione.
    conosco questo lavoro di michela battaglia... e ricordo la sensazione che m'ha dato quando l'ho visto, e che mi è confermata: come guardare il silenzio. ma è un silenzio la cui fermezza si incide in chi guarda.

    RispondiElimina
  6. Efrem,
    condivido ciò che dici l’atemporalità in questo momento di estasi dell'iperattuale serve per fermarsi a guardare lavori come quelli di Michela Battaglia

    Buona giornata,
    Salvatore D’Agostino

    RispondiElimina
  7. Efrem Raimondi16 ottobre 2012 09:47

    buona giornata!

    RispondiElimina

Due note per i commenti (direi due limiti di blogspot):

1) Il commento non deve superare 4096 caratteri comprensivi di spazio. In caso contrario dividi in più parti il commento. Wilfing architettura non si pone nessun limite.

2) I link non sono tradotti come riferimento esterno ma per blogspot equivalgono a delle semplici parole quindi utilizza il codice HTML qui un esempio.